SCIOLTO PER INFILTRAZIONI
MAFIOSE IL COMUNE DI...
di isolapulita





Una Donna il suo gioiello più prezioso non lo indossa, lo mette al mondo. Gramellini




Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.





"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).





 

sabato 12 giugno 2010

Cemento: la "Colata" che ha sepolto Nord e Sud Italia

*Isola delle Femmine Marittimi in agitazione per grave crisi occupazionale




Cemento: la "Colata" che ha sepolto Nord e Sud Italia

Dal dopoguerra al 2005 il nostro Paese ha coperto di cemento 12 milioni di ettari del suo territorio. Lo racconta una documentata inchiesta pubblicata da Chiarelettere, a cura di Ferruccio Sansa. Leggine un estratto in esclusiva
12 giugno, 2010



cemento




di A.Garibaldi, A.Massari, M.Preve, F.Sansa, G.Selvaggiulo

Secondo l’Osservatorio nazionale sui consumi di suolo, in Lombardia tra il 1999 e il 2005 sono spariti 26.700 ettari di terreni agricoli, come se in sei anni fossero emerse dal nulla cinque città come Brescia. Ogni giorno il cemento e l’asfalto cancellano più di 10 ettari di campagne in Lombardia (100.000 metri quadrati) e altri 8 in Emilia.
Secondo i dati Istat, elaborati dal Wwf, in Italia fra il 1990 e il 2005 sono stati divorati dal cemento e dall’asfalto (dunque sterilizzati per sempre) 3,5 milioni di ettari, cioè una regione grande più del Lazio e dell’Abruzzo messi assieme. Il tutto a un ritmo di 244.000 ettari l’anno.
In Germania dal ’98 il consumo di territorio non può crescere più di 11.000 ettari l’anno. Nel Regno Unito dal ’99 l’obiettivo è realizzare almeno il 60 per cento della nuova edilizia abitativa in aree già urbanizzate. Già compromesse, insomma. Qui da noi le stanze sono cresciute dal 1950 al 2005 del 247 per cento, mentre la popolazione aumentava soltanto del 23 per cento.
La produzione industriale calava fra il 2001 e il 2005 del 4,5 per cento, mentre la produzione edilizia cresceva del 17,4.
Un paese,il nostro, bello e disgraziato, nel quale senza il boom delle gru edili non ci sarebbe stata crescita del prodotto interno lordo. Solo il 14 per cento del territorio italiano non ha costruzioni nel raggio di cinque chilometri: lo ha calcolato Bernardino Romano, docente di Analisi e valutazione ambientale e pianificazione territoriale all’Aquila. La classifica della devastazione trova al primo posto la Liguria.
Già negli anni Sessanta Giorgio Bocca coniò le espressioni «Lambrate sul Tigullio» e «rapallizzazione», ma fra il 1990 e il 2005 questa particolare regione, già abbondantemente cementificata, ha ricoperto di edifici quasi la metà delle superfici ancora libere, diminuite del 45,5 per cento, contro una media nazionale del 17.
Poi, c’è la Calabria (meno 26 per cento di terreni liberi). E la Campania, la Sicilia, l’Emilia-Romagna, la Sardegna. Dal dopoguerra al 2005 l’Italia ha coperto di cemento 12 milioni di ettari del suo meraviglioso territorio, ha ingurgitato il 40,65 per cento di se stessa. Il 20 per cento del patrimonio edilizio è fatto di seconde e terze case, tirate su a spese della natura per restare vuote dieci-undici mesi l’anno. Per lo sfizio di chi se le può permettere.

Viene giù tutto

Ha scritto Vittorio Emiliani, già direttore de «Il Messaggero» di Roma dal 1980 al 1987 e ora presidente del Comitato per la bellezza: «L’Italia vive una contraddizione stridente. Registriamo a un tempo un consumo di suolo libero (e quindi di paesaggio) letteralmente dissennato e una vera e propria “emergenza alloggi” per i ceti medi, medio-bassi e bassi. Segno evidente che la frenetica attività edilizia che si è andata dispiegando negli ultimi anni riguarda costruzioni destinate quasi unicamente al mercato, per lo più alla speculazione, sovente nelle zone turistiche, costiere e montane, con una risalita ora dal mare verso l’interno, cioè verso zone di grande pregio e bellezza come le valli toscane, marchigiane e umbre».
Si divora territorio ovunque sia possibile e anche dove non lo sarebbe. Come rivela
il disastro di Giampilieri, provincia di Messina, 1° ottobre 2009, trentasette morti sotto il nubifragio e il cedimento del terreno. Più un trentottesimo corpo, dalla cintola in giù, che nessuno è andato a reclamare. Più una trentanovesima vittima, mai ritrovata, badante venuta dall’Est.
Come dimostra
la frana di SanFratello, già San Filadelfio, paese in provincia di Messina, costruito su un colle di 700 metri dalle truppe mercenarie raccolte nella valle Padana da Ruggero il Normanno per la riconquista. La collina è venuta giù nel 1754, rovinando su metà dell’abitato, e poi di nuovo nel 1922, distruggendo la parte centrale del paese. La popolazione – oggi 1500 abitanti – ricostruì sul versante a mare, e anche questo, a febbraio 2010, è crollato.
O come
la frana di Maierato, Vibo Valentia, che il 16 febbraio 2010 ha trascinato uliveti e case dove vivevano 249 persone. «U mundu si ribbejau» ha detto un’anziana donna che non voleva lasciare la sua abitazione ed era provvisoriamente ospitata nella Scuola allievi agenti della polizia a Vibo. Il mondo si è ribellato. In quei giorni di metà febbraio in Calabria è piovuto molto e ci sono state 180 frane.
La Coldiretti denuncia: il 100 per cento dei comuni calabresi è a rischio idrogeologico, a causa della progressiva cementificazione. E Massimo Gargano, presidente dell’Associazione nazionale bonifiche: «Nelle sciagure che abbiamo davanti agli occhi c’è ben poco di naturale. Da una parte l’urbanizzazione selvaggia si è mangiata le campagne, e l’acqua, invece di essere assorbita dalla terra, prende velocità come su una pista di pattinaggio; dall’altra i cambiamenti climatici hanno trasformato le piogge in nubifragi violenti ». In cinquant’anni 470.000 frane, con sei vittime ogni mese, 3500 morti in tutto. Cinquemilacinquecento comuni su ottomila sono a rischio di dissesto idrogeologico. Secondo l’Associazione bonifiche, ci vogliono quattro miliardi e duecento milioni per risistemare torrenti e rogge, pendii e canali.

Ancora Emiliani del Comitato per la bellezza: «Questa erosione di un patrimonio immenso e irriproducibile peserà inesorabilmente sui nostri figli, nipoti e pronipoti. In termini di imbruttimento, di involgarimento, di peggioramento dell’ambiente, della vita individuale e collettiva, di dissipazione di un patrimonio nazionale per secoli ammirato, la più formidabile attrattiva turistico-culturale da noi posseduta». L’Italia permette che il cemento cancelli il suo bene primario, la bellezza. E restringe il campo alla sua potenziale risorsa economica principe, il turismo. Le autonomie locali progettano il futuro con grande disinvoltura e il futuro, nella sua versione più semplificata, significa case.
Esempio per tutti: Modena, città della nutrita e civile Emilia, progetta un’espansione da 180.000 a 240.000 abitanti neiprossimi 30-50 anni. Un terzo in più. Progettista, l’assessore Daniele Sitta, Pd. Nome del progetto: «Modena futura». L’architetto ed ex dirigente comunale Ezio Righi ha denunciato che oltre un milione e mezzo di metri quadrati di territorio agricolo dislocati nella zona sud, fino all’autostrada, sarebbero passati di mano recentemente e a prezzi non rapportati all’attuale destinazione d’uso. I compratori – ha detto Righi durante un convegno di Italia Nostra – sarebbero imprese legate alla Lega delle cooperative, imprese collegate ai consorzi edili privati e singoli artigiani. Modena è quella città dove il procuratore della Repubblica Vito Zincani ha dichiarato alla fine del 2009: «Se fossi dotato di poteri sovrannaturali e potessi stroncare ogni attività criminosa a Modena domani mattina, la popolazione insorgerebbe e mi caccerebbe, sguinzaglierebbe i cani, perché avrei distrutto l’economia di Modena».
Più chiaramente: «Visto che il paziente è ancora fondamentalmente sano, dobbiamo bloccare il cancro prima che produca le metastasi. Se no succede come a Duisburg, dove i tedeschi hanno scoperto di colpo che la mafia in Germania c’era, eccome». Ancora più chiaro: «A Modena sono state trovate soprattutto presenze camorriste, a Reggio Emilia della ’ndrangheta, a Bologna dei corleonesi. Una spartizione. Forse».
A Modena circa seicento imprese edili vengono dal Casertano o dal Napoletano. L’assessore Ditta: «Posso garantire sulla mia parola che dove abbiamo deciso di costruire noi non ci sono infiltrazioni dei casalesi». È arbitrario l’accostamento fra criminalità ed edilizia? Di fatto c’è una forte tentazione: i cambi di destinazione d’uso dei terreni e l’atto del costruire possono dare profitti pari a poche altre attività economiche. Ai magistrati siciliani che chiedevano come facesse a guadagnare soldi, il boss mafioso Filippo Graviano ha risposto: «Se io trovavo un’area edificabile, un qualcosa da fare anche al Nord, io l’avrei fatto…».
Esempio romano dei potenziali guadagni. I proprietari delle aree ormai sono quasi tutti costruttori. Comprano un terreno agricolo a 25-30 euro al metro quadro, ottengono dall’amministrazione pubblica il cambio di destinazione d’uso e il terreno salta a 300 euro al metro quadrato. Poi costruiscono e rivendono a 3000-4000 euro al metro quadrato.
© Chiarelettere editore srl

Tratto da A.Garibaldi, A.Massari, M.Preve, F.Sansa, G.Selvaggiulo, La colata, a cura di Ferruccio Sansa, Chiarelettere, pp. 522, euro 16,60


Fonte:
http://tg24.sky.it/tg24/cronaca/2010/06/09/anticipazione_libro_la_colata_sansa_garibaldi__massari_preve_salvaggiulo_sansa_cemento.html






*Denunciato il Sindaco per deturpamento delle bellezze naturali
*Il Vespro Mese di Giugno: Isola delle Femmine fare chiarezza in consiglio pag.10.11.12 e la rubrica Caro “Sindaco” Portobello Professore Gaspare pag 40 e 41
*Isola delle Femmine Marittimi in agitazione per grave crisi occupazionale
*Caro "Sindaco" Prof Gaspare Portobello Mafia o Antimafia?
*Arrivano i Commissari ad Acta per Bilanci Consuntivi 2009
*CANTIERI LAVORO
*Servizio Idrico Legge Finanziaria Regione Sicilia 11/2010 art 49
*Commissariamento dei Comuni per inadempienze per gestione rifiuti?
*Basta MUNNEZZA per le strade di Isola delle Femmine
*Isola delle Femmine: Chi è lo sciacallo?
*Berlusconi: “..magari gli viene in mente di sparargli un colpo in testa”
*Munnezza a Isola delle Femmine Costi e Ricavi?

*Caro "Sindaco" Prof Gaspare Portobello Mafia o Antimafia?
*Non chiamiamoli più rifiuti!
*Basta MUNNEZZA per le strade di Isola delle Femmine
*Munnezza a Isola delle Femmine Costi e Ricavi?
*ATO IDRICO PA 1 Assemblea 7 8 giugno 2010
*Lavoro, protesta dei precari degli enti locali
*La manovra finanziaria " Lacrime e sangue"
*La Sicilia Le maggioranze Trasversali sul Servizio Idrico ARIA FRITTA
*Isola delle Femmine Distributore di benzina al Porto Pescatori o Diportisti? *Cemento: la "Colata" che ha sepolto Nord e Sud Italia
*Italcementi, non condanniamo la torre alta 120 metri
*I Beni Comuni nello spezzatino del Federalismo
*Donatella Costa Lettera al Presidente regione Sicilia Raffaele Lombardo
*Libertà di Stampa e Regime
*La munnezza di Isola delle Femmine vale tanto oro quanto pesa
*SiciliaMafiopoli: IL CASO GENCHI PELLERITO termovalorizzatori e........
*TRASFERIMENTO DEFINITIVO ALL’ATO PA1 DI ALCUNI DIPENDENTI Delibera impegno riassunnzione da parte dei Comuni
*Mi Illumino di Incenso
*ATO Idrico gara da Rifare
*SINDACO: Punito perchè virtuoso
*Lombardo: "Ecco i nemici del cambiamento"
*Corte dei Conti INDAGINE funzionamento ATO PA 1
*ATO Rifiuti Sentenza Corte Conti Tariffe Competenza Comuni
*ATO Idrico Pa1 Struttura tariffa e agevolazioni
*FEDERALISMO Demaniale
*Piccolo apologo sul paese illegale
*Indagato il sindaco Cammarata per la discarica di Bellolampo
*Sicilia i Termovaloroizzatori "puzzano" di mafia
*Presentazione del Rapporto sulle tecniche trattamentio rifiuti
*La manovra finanziaria " Lacrime e sangue"
*Attuazione Art. 4 Legge4/3/2009, n. 15, ricorso per l'efficienza delle amministrazioni e dei concessionari di servizi pubblici.
*BANCA D’ITALIA Relazione Annuale
*"Sindaco" Gaspare Portobello Mafia o Antimafia
*Sindaco Portobello: Chi è lo sciacallo?
*Rapporto sulle tecniche di trattamento dei rifiuti

Denunciato il Sindaco per deturpamento delle bellezze naturali


Un esposto denuncia per deturpamento delle bellezze naturali di Isola delle Femmine, sarà presentato ai Carabinieri della locale stazione dal gruppo consiliare di opposizione “Rinascita Isolana”. A comunicarlo con una nota è lo stesso movimento politico, che addita la gestione del servizio di raccolta rifiuti in paese, amministrata anche ad Isola delle Femmine dall’Ato Palermo 1. Da tempo la cittadina marinara –scrive Rinascita Isolana- è invasa da tonnellate di rifiuti, che insistono – in cumuli di notevoli dimensioni – in diverse aree dell’abitato, nella zona costiera e lungo la Strada Statale 113 - in prossimità dello svincolo autostradale dell’A 29 – determinando –sottolinea- un indubbio e avvilente scempio visivo e producendo esalazioni maleodoranti. Ciò non solo rappresenta un serio pericolo per la salute dei cittadini e per la circolazione stradale, -si legge ancora nella nota del movimento politico- ma costituisce anche un sicuro vulnus alle bellezze naturali isolane e al connesso diritto di abitanti e visitatori di goderne. In particolare, si registra un’elevata concentrazione di rifiuti lungo la costa, -dichiara il gruppo consiliare di opposizione- all’interno dell’Area Marina Protetta – Riserva Naturale Orientata Capo Gallo/Isola delle Femmine, in prossimità della Torre Saracena; inoltre una sorta di discarica di almeno 50 mq.
Continua su….

http://isolapulita.blogspot.com/2010/06/isola-delle-femmine-munnezza-in-attesa.html

AMBIENTE, CUTINO, DANNO ERARIALE, DEBITO VERSO ATO PA1, DIONISI, DISCARICHE, giucastro, ISOLA DELLE FEMMINE, ISOLE ECOLOGICHE, PALAZZOLO, PALazzotto, PORTOBELLO, RACCOLTA DIFFERENZIATA, RISO, SALUTE,Munnezza


Berlusconi: “..magari gli viene in mente di sparargli un colpo in testa”
Sindaco Portobello: Chi è lo sciacallo? "Sindaco" Gaspare Portobello Mafia o Antimafia


ATO PA1 il rattoppo dell'emergenza rifiuti

I sindaci Proprietari nonché clienti dell’ATO PA1 hanno firmato l’ennesimo piano Che prevede per ogni Comune Proprietario e cliente il versamento di quote mensili più alte fino a ottobre, allo scopo di adeguare il servizio di raccolta dell’immondizia al notevole aumento della popolazione nel territorio che si verifica con l’arrivo dell’estate.
Il presidente dell’ATO PA1, che i Comuni Proprietari/Clienti hanno nominato, Giacomo Palazzolo ha intimato ai sindaci che è necessario versare le quote mensili puntualmente e avviare tempestivamente una massiccia campagna di raccolta differenziata porta a porta, per separare i rifiuti secchi da quelli umidi.
Alla prossima riunione dei Sindaci Proprietari/Clienti dell’ATO PA1 revocheranno dall’incarico il Consiglio D’amministrazione da loro eletto!
Cittadini è una bella presa per il CULO non trovate?
http://isolapulita.blogspot.com/2010/06/isola-delle-femmine-munnezza-in-attesa.html



Nessun commento: