SCIOLTO PER INFILTRAZIONI
MAFIOSE IL COMUNE DI...
di isolapulita





Una Donna il suo gioiello più prezioso non lo indossa, lo mette al mondo. Gramellini




Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.





"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).





 

giovedì 30 ottobre 2008

COINVOLTA ANCHE L'ITALCEMENTI NELL'INCHIESTA CALCESTRUZZI



Le rivelazioni di Angelo Siino al processo Calcestruzzi SPA
martedì 21 ottobre 2008
Nuove dichiarazioni del pentito Angelo Siino nell'ambito del processo cosidetto " Calcestruzzi SPA": " "Incontrai Pesenti per far pagare una tangente al Comune di Isola delle Femmine"


Lui, il mafioso Angelo Siino, verso la fine degli anni Settanta, incontrò a Roma l'imprenditore dell'Italcementi, Giampiero Pesenti, per "snellire" alcune pratiche burocratiche del Comune di Isola delle Femmine che impedivano al cementificio del gruppo di allargarsi. Lo ha detto in aula il super pentito Siino che è stato sentito a Roma nell'incidente probatorio effettuato nell'ambito dell'inchiesta sulla Calcestruzzi spa, in cui è indagata anche l'Italcementi spa, condotta dalla procura di Caltanissetta.

Il collaboratore, rispondendo alle domande del pm Nicolò Marino, ha ricordato che il sindaco di Isola delle Femmine bloccava l'espansione del cementificio dell'Italcementi e dunque, attraverso il mafioso Nino Buscemi, venne contattato Siino per farlo desistere. Dopo aver incontrato il primo cittadino, Siino comprese che una tangente avrebbe risolto la situazione e per questo motivo venne organizzato un incontro a Roma con Pesenti. Quest'ultimo, quando vide Siino, spiega il pentito, gli disse immediatamente che più di 250 milioni di lire non era disposto a pagare. Siino non ha saputo però dire se la tangente venne poi versata. Davanti al gip Giovanbattista Tona del tribunale di Caltanissetta, il collaboratore ha detto che il sindaco non si sarebbe accontentato della sola tangente, ma avrebbe preteso dall'Italcementi anche un'opera per il suo paese, e cioé la realizzazione di una strada tra la cementeria e la spiaggia. L'opera venne avviata, ma mai ultimata.

L'Italcementi spa è stata iscritta nel registro degli indagati della Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta lo scorso giugno, nell'ambito dell'inchiesta che coinvolge la Calcestruzzi spa, sequestrata per mafia nei mesi scorsi e adesso in amministrazione giudiziaria. I pm contestano alla società cementiera, "responsabilità amministrative", in relazione all'accusa per la quale è stata indagata e cioé illecita concorrenza con minaccia o violenza, aggravata dall'avere agevolato la mafia. La Calcestruzzi spa è una controllata dell'Italcementi, di cui è amministratore delegato Carlo Pesenti, figlio di Giampiero, indagato per riciclaggio dalla Dda di Caltanissetta.

http://infoagrigento.it/cronaca/le-rivelazioni-di-angelo-siino-al-processo-calcestruzzi-spa.html

Nessun commento: