SCIOLTO PER INFILTRAZIONI
MAFIOSE IL COMUNE DI...
di isolapulita





Una Donna il suo gioiello più prezioso non lo indossa, lo mette al mondo. Gramellini




Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.





"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).





 

venerdì 31 ottobre 2008

*Isola delle Femmine disposto divieto dimora per comandante e vide dei Vigili Urbani


FINANZIAMENTO REGIONALE SCUOLA ELEMENTARE E BARRIERE ARCHITETTONICHE



REPUBBLICA ITALIANA



N° di codice fiscale 80012000826



N° di Partita I.V.A. 02711070827



REGIONE SICILIANA



ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI



DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI



SERVIZIO 2



Edilizia Varia e Abusivismo Edilizio



Tel.091.7072366- Fax 091 7072385.



SEGRETERIA DEL CAPO SERVIZIO



Palermo, _______________



Prot. n°________/ Class. n. 36



OGGETTO : Bando pubblico di selezione per l’esecuzione di opere di recupero e



ristrutturazione di edifici scolastici, di ogni ordine e grado – Elencazione degli interventi



utilmente inseriti nella graduatoria approvata con decreto dirigenziale n. 811/12^ del



21/06/2006 e finanziabili.



AVVISO



A seguito della revoca della sospensione dell’esecutività del decreto dirigenziale n. 811/12 del



21/06/2006, disposta dallo scrivente con avviso in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale



della Regione Siciliana e consultabile sul sito di questo Assessorato Lavori Pubblici



(www.regione.sicilia.it/lavoripubblici), si riportano, distintamente per provincia, gli interventi



finanziabili:





5 ISOLA DELLE FEMMINE REC. RISTR. ADEG. CORPO “A” SCUOLA MATERNA 389.000,00



A ciascuna Amministrazione beneficiaria sarà fornita diretta comunicazione.



IL DIRIGENTE GENERALE



DEL DIPARTIMENTO REGIONALE LL.PP.



(Dott. Fulvio Bellomo)




http://www.lavoripubblici.sicilia.it/documenti/bandi/dip_(062)_Avviso_Bando_per_ristrutturazione_EDIFICI_SCOLASTICI_.pdf



GENNAIO 2008



DISPOSIZIONI E COMUNICATI



ASSESSORATO DEI LAVORI PUBBLICI




VENERDÌ 8 FEBBRAIO 2008 - GAZZETTA UFFICIALE N. 7



Avviso relativo al bando pubblico di selezione per l'esecuzione di opere di recupero e ristrutturazione di edifici scolastici, di ogni ordine e grado - Elencazione degli interventi utilmente inseriti nella graduatoria approvata con decreto 21 giugno 2006 e finanziabili.


A seguito della revoca della sospensione dell'esecutività del decreto n. 811/12 del 21 giugno 2006, disposta dallo scrivente con avviso consultabile sul sito di questo Assessorato dei lavori pubblici (www.regione.sicilia.it/lavoripubblici), si riportano, distintamente per provincia, gli interventi finanziabili:



ISOLA DELLE FEMMINE REC. RISTR. ADEG. CORPO “A” SCUOLA MATERNA 389.000,00



http://gurs.pa.cnr.it/gurs/gazzette/g08-07/g08-07-p41.html







DECRETI ASSESSORIALI





ASSESSORATO DEI LAVORI PUBBLICI

VENERDÌ 4 AGOSTO 2006 - GAZZETTA UFFICIALE N. 37
DECRETO 21 giugno 2006.
Graduatoria relativa al bando pubblico di selezione per l'esecuzione di opere di recupero e ristrutturazione di edifici scolastici esistenti, di ogni ordine e grado, ed elenchi delle proposte non ammissibili ed escluse.



IL DIRIGENTE GENERALE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE LAVORI PUBBLICI

Visto lo Statuto della Regione;
Vista la legge 11 febbraio 1994, n. 109, nel testo coordinato con le norme delle leggi regionali 2 agosto 2002, n. 7, 19 maggio 2003, n. 7 e successive modifiche ed integrazioni;
Vista la deliberazione di Giunta n. 248 del 24 luglio 2002, con la quale la Giunta regionale ha approvato la rimodulazione e programmazione dei fondi dell'edilizia residenziale pubblica ed agevolata;
Vista la deliberazione di Giunta n. 398 del 7 dicembre 2004;
Considerato che nelle suddette deliberazioni è prevista la predisposizione di un bando pubblico per edilizia scolastica finalizzato ad opere di recupero di edifici scolastici esistenti, di ogni ordine e grado;
Visto il decreto n. 214 del 14 febbraio 2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana dell'11 marzo 2005, n. 10, con il quale è stato approvato ed emanato il bando pubblico di selezione per l'esecuzione di opere di recupero e ristrutturazione di edifici scolastici esistenti, di ogni ordine e grado;
Visto il decreto n. 627 del 14 aprile 2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana del 22 aprile 2005, n. 17, con il quale sono state approvate le modifiche al bando pubblico di selezione di cui sopra e, per effetto di tali rettifiche, è stata concessa una proroga al termine di presentazione delle istanze;
Vista la nota dirigenziale n. 468 del 20 settembre 2005, con la quale è stata costituita la commissione incaricata di procedere alla valutazione delle istanze di finanziamento e della relativa documentazione allegata, così come previsto dal punto 9 del bando sopra citato;
Visto l'esito dell'istruttoria relativa alla selezione preliminare, effettuata dalla sopra citata commissione, dal quale si evincono gli interventi non ammissibili alla valutazione, atteso che le modalità di trasmissione dei plichi non risultavano conformi alle prescrizioni di cui ai punti 5 e 6 del bando (allegato A);
Visto l'esito dell'istruttoria relativa alla valutazione dei progetti ammissibili, effettuata dalla sopra citata commissione, dal quale si evincono gli interventi ritenuti esclusi (allegato B) con a fianco indicati i motivi di esclusione ed i progetti ammissibili al finanziamento (allegato C) con a fianco il punteggio assunto in base ai criteri di valutazione;
Considerato che l'esito dell'istruttoria effettuata dalla commissione di cui sopra, su tutti i plichi pervenuti, è stato formalizzato nei verbali numerati dal n. 1 del 26 settembre 2005 al n. 39 del 16 gennaio 2006;
Considerato che il bando in argomento prevede nelle sue finalità un'equa ripartizione territoriale dei finanziamenti;
Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 83 dell'8 marzo 2006 (C. di P. del P.O.R. Sicilia 2000/2006), con la quale sono state determinate le percentuali per ogni provincia ai fini della ripartizione delle risorse finanziarie;
Ritenuto di doversi applicare quali coefficienti percentuali per la ripartizione territoriale su base provinciale le percentuali di ripartizione totale sopra citate;
Considerato che con l'applicazione dei criteri sopra esposti è stata determinata la seguente ripartizione territoriale su base provinciale delle risorse di cui al bando in argomento:
Considerato che si procederà al finanziamento dei progetti ammissibili (allegato C) nel rispetto dell'ordine di graduatoria e sino alla concorrenza della disponibilità finanziaria sul capitolo 672089 del bilancio della Regione siciliana;
Visto che in funzione delle risorse disponibili per ciascuna provincia, in alcuni casi non possono finanziarsi progetti per l'intero importo previsto;
Considerato che si ritiene opportuno utilizzare interamente le risorse disponibili;
Ritenuto, pertanto, di dovere destinare le somme residue e le disponibilità assegnate a ciascuna provincia, eventualmente non sufficienti a coprire l'intero ammontare del finanziamento richiesto, per il cofinanziamento degli interventi progressivamente inclusi in graduatoria sulla scorta del punteggio attribuito;
Ai sensi della legge e del regolamento sulla contabilità generale dello Stato;



Decreta:




Art. 1

E' approvato l'elenco delle proposte ritenute non ammissibili in sede di valutazione preliminare pervenute a seguito del bando pubblico di selezione per l'esecuzione di opere di recupero e ristrutturazione di edifici scolastici esistenti, di ogni ordine e grado, atteso che le modalità di trasmissione dei plichi non risultavano conformi alle prescrizioni di cui ai punti 5 e 6 del bando stesso (allegato A che fa parte integrante del presente decreto).



Art. 2

E' approvato l'elenco delle proposte ritenute escluse in sede di valutazione pervenute a seguito del sopra citato bando con a fianco indicati i motivi di esclusione (allegato B che fa parte integrante del presente decreto) rilevabili dalla relativa legenda (allegato D).



Art. 3

E' approvato l'elenco delle proposte, pervenute a seguito del sopra citato bando, valutate positivamente con a fianco indicato il punteggio assunto in base ai criteri di valutazione, ammissibili al finanziamento nel rispetto dell'ordine di graduatoria e della disponibilità finanziaria del relativo capitolo di spesa (672089) del bilancio della Regione siciliana (allegato C che fa parte integrante del presente decreto).



Art. 4

Le risorse relative ai progetti utilmente inseriti in graduatoria saranno rese disponibili con appositi provvedimenti.



Art. 5

Le risorse provenienti da eventuali revoche, esclusioni, economie dei finanziamenti o ulteriori disponibilità finanziarie verranno utilizzate per il cofinanziamento di ulteriori interventi inclusi nelle stesse graduatorie attraverso lo scorrimento progressivo.



Art. 6

Le somme residue e le disponibilità assegnate a ciascuna provincia, eventualmente non sufficienti a coprire l'intero ammontare del finanziamento richiesto, saranno utilizzate per il finanziamento degli interventi progressivamente inclusi in graduatoria sulla scorta del punteggio attribuito, a condizione che gli enti si dichiarino disponibili a coprire la differenza tra la somma risultante dalla proposta progettuale e la somma residuata e/o disponibile per ciascuna provincia.



Art. 7

Le eventuali maggiori spese rispetto a quelle ammesse a finanziamento che si rendessero necessarie, per ogni singolo intervento, resteranno a carico dei rispettivi enti.



Art. 8



Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana ed altresì sul sito ufficiale della Regione siciliana www.regione.sicilia.it/lavori pubblici.
Palermo, 21 giugno 2006.








Cliccare qui per visualizzare gli allegati in formato PDF




84° POSIZIONE ISOLA DELLE FEMMINE : Adeguamento edificio scolastico abbattimento barriere architettoniche scuola media


IMPORTO: 829.000,00 Escluso in quanto non rispetta la tipologia dell'intervento in quanto prevede ampliamento e nuova costruzione










5° POSIZIONE ISOLA DELLE FEMMINE: Recupero ristrutturazione adeguamento corpo a scuola materna




IMPORTO: 389.000,00 AMMESSO









giovedì 30 ottobre 2008

COINVOLTA ANCHE L'ITALCEMENTI NELL'INCHIESTA CALCESTRUZZI



Le rivelazioni di Angelo Siino al processo Calcestruzzi SPA
martedì 21 ottobre 2008
Nuove dichiarazioni del pentito Angelo Siino nell'ambito del processo cosidetto " Calcestruzzi SPA": " "Incontrai Pesenti per far pagare una tangente al Comune di Isola delle Femmine"


Lui, il mafioso Angelo Siino, verso la fine degli anni Settanta, incontrò a Roma l'imprenditore dell'Italcementi, Giampiero Pesenti, per "snellire" alcune pratiche burocratiche del Comune di Isola delle Femmine che impedivano al cementificio del gruppo di allargarsi. Lo ha detto in aula il super pentito Siino che è stato sentito a Roma nell'incidente probatorio effettuato nell'ambito dell'inchiesta sulla Calcestruzzi spa, in cui è indagata anche l'Italcementi spa, condotta dalla procura di Caltanissetta.

Il collaboratore, rispondendo alle domande del pm Nicolò Marino, ha ricordato che il sindaco di Isola delle Femmine bloccava l'espansione del cementificio dell'Italcementi e dunque, attraverso il mafioso Nino Buscemi, venne contattato Siino per farlo desistere. Dopo aver incontrato il primo cittadino, Siino comprese che una tangente avrebbe risolto la situazione e per questo motivo venne organizzato un incontro a Roma con Pesenti. Quest'ultimo, quando vide Siino, spiega il pentito, gli disse immediatamente che più di 250 milioni di lire non era disposto a pagare. Siino non ha saputo però dire se la tangente venne poi versata. Davanti al gip Giovanbattista Tona del tribunale di Caltanissetta, il collaboratore ha detto che il sindaco non si sarebbe accontentato della sola tangente, ma avrebbe preteso dall'Italcementi anche un'opera per il suo paese, e cioé la realizzazione di una strada tra la cementeria e la spiaggia. L'opera venne avviata, ma mai ultimata.

L'Italcementi spa è stata iscritta nel registro degli indagati della Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta lo scorso giugno, nell'ambito dell'inchiesta che coinvolge la Calcestruzzi spa, sequestrata per mafia nei mesi scorsi e adesso in amministrazione giudiziaria. I pm contestano alla società cementiera, "responsabilità amministrative", in relazione all'accusa per la quale è stata indagata e cioé illecita concorrenza con minaccia o violenza, aggravata dall'avere agevolato la mafia. La Calcestruzzi spa è una controllata dell'Italcementi, di cui è amministratore delegato Carlo Pesenti, figlio di Giampiero, indagato per riciclaggio dalla Dda di Caltanissetta.

http://infoagrigento.it/cronaca/le-rivelazioni-di-angelo-siino-al-processo-calcestruzzi-spa.html

PETCOKE NO AL PETCOKE ORDINANZA SINDACO CAMMARATA


CAMMARATA: stop al petcoke per le strade di palermo provoca il cancro alle vie respiratorie
Caricato da isolapulita











Giornale di Sicilia pag 24 giovedì 30 ottobre 2008



Ambiente Ordinanza del sindaco contro i mezzi della ltalcementi


“Provoca il cancro” stop ai camion carichi di pet-coke



Stop al trasporto di pet-coke Per le strade della città. A meno che non venga caricato su speciali mezzi a tenuta ermetica, evitando così il rischio di versarlo più o meno accidentalmente per strada.


L'ordinanza è firmata dal sindaco Diego Cammarata e ha di fatto un destinatario ben preciso: I'azienda ltalcementi di Isola delle Femmine, che è tornata recentemente


a utilizzare il Pet-coke come combustibile dei propri impianti.


Cosa che peraltro nelle scorse settimane ha anche suscitato non poche polemiche, con tanto di blocchi stradali degli operai, intervento del prefetto e nulla


l sindaco -ohtrgosta prima negato o poi concesso dall'assessorato regionale al Territorio.


Alla base del problema c'è proprio I'alto tasso di pericolosità di questo tipo di materiale.


Un prodotto di scarto che si ottiene dal processo di condensazione di residui


petroliferi pesanti e oleosi e che è costituito - si legge nella relazione che accompagna il provvedimento del sindaco -da idrocarburi aromatici policiclici ad alto peso molecolare ed elevata tossicità'”


Questo tipo di combustibile comprende inoltre anche sostanze che, se inalate - scrive il dirigente del servizio ambiente del Comune, Attilio Carioti - Possono causare il cancro alle vie respiratorie.


A sollecitare il blocco dei camion col pet-coke era stata I'Ottava circoscrizione,con un apposito documento inviato al Comune, con cui si chiedeva il blocco dei camion della Italcementi.


E nello stesso provvedimento di blocco del trasporto si legge in effetti che “tali carichi venivano trasportati attraverso I' agglomerato urbano a mezzo di camion muniti di semplici teloni e che tali carichi rappresentano un grave rischio per la salute dei cittadini, in quanto tale modalità di trasporto non impedisce il rilascio di materiale in ambiente, sia sotto forma di deposito che sotto forma di Polveri sottili in atmosfera, on grave pregiudizio della salute dei cittadini.


D'ora in poi dunque stop ai normali camion carichi di Pet-coke.


E la ltalcementi? “stiamo esaminando Il contenuto del provvedimento -dicono dalla cementeria di Isola della Femmine - e solo successivamente valuteremo se pronunciarci , e, se del l caso, prendere gli adeguati provvedimenti.


Ci domandiamo tuttavia perché la questione pet-coke,combustibile il cui utilizzo è consentito e regolato dalla legger, rappresenti un problema solo per Isola delle Fernmine, visto che viene utilizzato in altri impianti - non soltanto cementifici - presenti in Sicilia e nel resto d'Italia


M. R.


http://www.isolapulita.it




































Effetti del cromo esavalente sulla cellularità polmonare


Il cromo metallico ed i composti del cromo trivalente ed esavalente sono largamente impiegati in ambito industriale. L’esposizione professionale a cromo (Cr), anche a basse concentrazioni, può causare flogosi delle vie aeree e asma bronchiale. Evidenze sperimentali suggeriscono che l’espettorato indotto è una metodica valida per analizzare gli indici cellulari e biochimici di infiammazione polmonare. Allo scopo di ottenere informazioni sull’infiammazione polmonare causata dall’esposizione professionale a Cr sono stati valutati gli effetti su 11 lavoratori maschi addetti alla cromatura galvanica ed i risultati confrontati con quelli ottenuti in un gruppo di 9 soggetti non esposti. Tutti i partecipanti, non fumatori e non affetti da patologie polmonari in atto, sono stati sottoposti a spirometria e a valutazione dell’espettorato indotto. I parametri spirometrici sono risultati normali. Nei campioni di espettorato la concentrazione leucocitaria totale (82,98 ± 49,00 x104 cell/ml vs 68,89 ± 22,71 x104cell/ml) e la concentrazione assoluta dei neutrofili (53,08 ± 34,79 x104cell/ml vs 40,45 ± 12,52 x104 cell/ml) sono risultate maggiori negli esposti rispetto ai non esposti. I risultati ottenuti, anche se non statisticamente significativi, anche a causa del modesto numero di partecipanti allo studio, potrebbero indicare la presenza di iniziali alterazioni flogistiche.
Parole chiave: cromo esavalente, cellularità polmonare, flogosi delle vie aeree .


Il cromo metallico è largamente impiegato nell’industria. I principali bersagli del Cr sono cute e mucose.

L’esposizione a Cr, a concentrazioni anche inferiori agli attuali TLV, può provocare infiammazione delle mucose bronchiali e asma nei lavoratori esposti (1). Studi citologici di campioni ottenuti mediante BAL e biopsia bronchiale hanno evidenziato che i composti del Cr possono essere rilevati nei tessuti polmonari degli esposti e indurre modificazioni degli indici cellulari di flogosi (2). Numerosi studi hanno evidenziato che l’espettorato indotto è una metodica valida, già utilizzata per analizzare gli indici cellulari e biochimici di flogosi polmonare nello studio dell’asma bronchiale, della bronchite cronica, delle esposizioni a tossici ambientali e professionali e dell’effetto di alcuni farmaci sull’infiammazione delle vie aere.

Valutazione dell’esposizione professionale ad IPA in lavoratori


Valutazione dell’esposizione professionale ad idrocarburi policiclici aromatici (IPA) in lavoratori di cokeria mediante un programma di monitoraggio biologico che prevede la misurazione dei livelli urinari dell’1-idrossipirene (1-IP) quale indicatore di dose interna, verificando l’affidabilità di tale biomarcatore nel discriminare differenti situazioni operative comportanti diverse condizioni di esposizione (1). Si è proceduto inoltre alla valutazione dell’eventuale influenza di selezionati polimorfismi metabolici del citocromo P450 1A1, e della glutatione S-transferasi ì (GSTM1) e è (GSTT1) sui livelli del biomarcatore, in quanto la variabilità inter-individuale nella suscettibilità alle sostanze cancerogene sembra dipendere in larga misura da fattori che intervengono nella sequenza di metabolizzazione di tali composti (2, 8, 9, 10).
Gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA) sono una famiglia di composti organici ad alto peso molecolare, la cui struttura contiene due o più anelli benzenici condensati. Gli IPA si formano durante processi di pirolisi o di combustione incompleta di materiali organici e sono perciò presenti nell’ambiente in modo ubiquitario, sia in fase vapore che adsorbiti sul particolato atmosferico. Nelle aree urbane la fonte principale di questi composti è rappresentata dagli scarichi autoveicolari, mentre altre fonti di esposizione a IPA, oltre quelle professionali, sono il fumo di tabacco e il consumo di cibi affumicati o cotti alla griglia (1). La IARC classifica alcuni IPA come probabili o possibili cancerogeni per l’uomo (2A o 2B) (2). Per il monitoraggio biologico dell’esposizione a IPA viene storicamente usato l’1-idrossipirene, il principale metabolica urinario del pirene, un composto sempre presente nelle miscele aerodisperse di IPA. La composizione delle diverse miscele di IPA varia però in funzione dei differenti processi di combustione, e l’1-idrossipirene può quindi fornire solo una stima indiretta della esposizione complessiva a IPA (3,4). Scopo di questo lavoro è stato indagare il possibile utilizzo dell’escrezione urinaria di IPA tal quali come indicatori specifici di esposizione a IPA.


Considerazioni sul ruolo dei coniugati mercuro-tiolici nella tossicità cardiovascolare del metallo
Il mercurio è un metallo la cui tossicità per l’uomo coinvolge organi bersaglio quali il sistema nervoso centrale e il rene.

Sonostate inoltre espresse preoccupazioni nei confronti dell’eventuale coinvolgimento del mercurio quale agente tossico corresponsabile della comparsa di alterazioni patologiche a carico del sistema nervoso centrale e del sistema neuro-immunitario in soggetti portatori di otturazioni dentarie in amalgama di mercurio e in bambini sottoposti a vaccinazione con vaccini contenenti composti
Organo mercuriali quali agenti conservanti antibatterici. Recentemente inoltre è stato rivalutato il suo possibile ruolo nell’eziopatogenesi di alcune malattie cardiache. Lo studio delle forme chimiche attraverso le quali il mercurio è distribuito nell’organismo ed esercita le azioni tossiche selettive su recettori cellulari specifici degli organi bersaglio rappresenta un attivo campo di ricerca (1,2). In particolare, le forme coniugate del mercurio con i composti appartenenti alla griglia metabolica del glutatione, costituiscono i metaboliti di trasporto epatobiliare sia della specie metilmercurio (MeHg+) che dello ione mercurico (Hg2+) e sono responsabili dell’accumulo irreversibile del metallo all’interno delle cellule del tubulo renale prossimale, causa prossima della nefrotossicità del mercurio.

http://www.fsm.it/gimle/26/4s/01.pdf

http://www.isolapulita.it








domenica 19 ottobre 2008

La "politica a Isola delle Femmine


















La proposta di legge regionale, sui costi della politica, ha chiaramente messo in crisi TUTTI i “politicanti” locali affaccendati nella preparazione delle candidature per le prossime elezioni amministrative.
Tutti sappiamo a Isola delle Femmine, che la disponibilità a cariche da ricoprire e stipendi da percepire, condiziona la candidatura in una Qualsiasi lista elettorale.

Se per un attimo ci soffermiamo sulla proposta di legge approvata dalla giunta Lombardo scorgiamo che:
-La riduzione del numero degli assessori da 7 a 4;
-Il taglio alle indennità aggiuntive per sindaco e presidente del Consiglio;
-Il Gettone presenza così come i consiglieri comunali, per il VICE PRESIDENTE del Consiglio;
-L’addio all'aspettativa retribuita per gli eletti nei consigli;
-Lo stop ai permessi per i consiglieri-dipendenti che non potranno più andare in aspettativa con contributi a carico dell'ente.


Sicuramente creerà una situazione di SCOMPIGLIO in un ravvicinato futuro della vita politica amministrativa di Isola delle Femmine.

La politica è la vita della comunità sociale ed economica, e chi la gestisce e la usa esclusivamente per un proprio interesse personale e di potere dovrebbe essere buttato fuori da chi lo ha eletto.
Difficile pensarlo sapendo che chi lo ha eletto aspetta o il "favore personale" o.......
Bisognerebbe soltanto che ci accorgessimo quanto fondamentale in questo momento è il sacrificio di tutti perchè del finto benessere che alcuni si arrogano di dovere vivere, se ne può fare a meno.


http://siciliaannouno.blogspot.com
http://isolapulita.vox.com/